Capodanno in Toscana

Da Sabato 30 Dicembre 2017 a Lunedi 1° Gennaio 2018 – Da Euro 390.

Castellina, Chianti, Monteriggioni, Poggibonsi, Radda, San Gimignano, Siena

 

Soltanto la spettacolare strada che si percorre per arrivare a questo angolo paradisiaco quasi nascosto tra le sinuose colline del Chianti è ragione sufficiente per fermarsi e visitarne le stradine in pietra ed il caratteristico centro storico. Ad ogni modo, come se non bastasse, Castellina vanta un passato ricco di storia ed eventi interessanti che risalgono all’età del Bronzo, per non parlare della sua attiva partecipazione nella produzione di olio e vino.

 

Monteriggioni, situato all’estremità settentrionale del proprio territorio comunale, occupa la sommità di una dolce collina dalle pendici coltivate a vigne e olivi. Il castello venne fondato nel secondo decennio del Duecento dalla Repubblica di Siena, con il principale scopo di creare un avamposto difensivo contro la rivale Firenze. Per secoli l’insediamento svolse in pieno la funzione per cui era stato creato, respingendo di volta in volta una miriade di assedi e attacchi. La sua funzione militare venne meno a partire dalla metà del Cinquecento, quando l’intero Stato Senese, di cui il nostro borgo faceva parte, venne annesso a quello fiorentino.

 

A Poggibonsi si può visitare la Fortezza medicea di Poggio Imperiale, costruita nel Cinquecento per volere di Lorenzo il Magnifico. Si erge su una collina dove si trova anche il Parco Archeologico e Tecnologico di Poggio Imperiale. Nel centro storico si trovano diversi edifici religiosi di interesse come la Chiesa di San Lorenzo e il Santuario di Romituzzo che conserva una “Madonna della Neve” del Trecento e 5.000 ex-voto anatomici in carta pressata che rappresentano parti del corpo umano. Il Convento di San Lucchese conserva affreschi del XIV-XV-XVI secolo e le spoglie di San Lucchese, patrono della città. Altri due luoghi suggestivi sono il Castello della Magione, piccolo complesso monumentale medievale appartenuto ai cavalieri templari, e la Fonte delle Fate, grande fontana pubblica del XIII sec. reperto architettonico della perduta Poggi Bonizio.

 

Radda in Chianti è uno spettacolare borgo medievale racchiuso da possenti mura difensive, situato sulla cima del colle che divide le valli di Arbia e Pesa. Dalle origini molto antiche, sembra sia stato abitato sin dal lontano 9° secolo e menzionato per la prima volta in un documento ufficiale del 1002. Al suo aspetto tipicamente medievale, caratterizzato da stradine strette e dai classici edifici a torre del periodo, si aggiunge il fascino tradizionale toscano delle facciate in pietra locale.

 

La fondazione di San Gimignano si perde nella notte dei tempi. La leggenda racconta che nel 63 avanti Cristo i due fratelli Muzio e Silvio, giovani patrizi fuggiti da Roma perché complici di Catilina, si rifugiarono in Valdelsa e vi costruirono due castelli: quello di Mucchio e quello di Silvia, futura San Gimignano. Il primo documento storico che attesta il nome della Città è datato 30 agosto 929 quando Ugo di Provenza dona al vescovo di Volterra il monte chiamato della Torre “prope Sancto Geminiano adiacente”. È’ probabile che il nome San Gimignano derivi proprio dal nome del vescovo di Modena. Anche in questo caso la leggenda narra che il santo durante le invasioni barbariche salvò la città dalla minaccia di Totila, apparendo miracolosamente sulle mura.

 

Siena aspetta i visitatori per offrire loro un’esperienza emozionante e indimenticabile. Nessuna altra città mantiene vivo il patrimonio culturale e civile del medioevo come Siena, con il Palio e le 17 Contrade, con i suoi capolavori d’arte e il centro storico simile a un museo diffuso. Siena organizza oltre 600 eventi ogni anno, spesso di straordinario livello qualitativo come i festival musicali estivi e le grandi mostre. A Siena anche l’artigianato, la gastronomia e i vini raggiungono l’eccellenza e portano un messaggio di cultura e di tradizione. Questa è Siena, la capitale del gotico che, dal 1995, fa parte del patrimonio dell’umanità dell’Unesco

 

 

PROGRAMMA

1° Giorno – Partenza da Savona e provincia in prima mattinata L’orario verrà confermato alcuni giorni prima della partenza, attraverso la consegna dei fogli di convocazione. Arrivo a VOLTERRA. Tempo a disposizione per la visita della città, degna di nota per la suggestiva parte medioevale posizionata sulla sommità delle alture che separano le due valli del Cecina e dell’Era. La sua notorietà è dovuta alla Piazza con il Palazzo dei Priori ed il Museo Etrusco. Proseguimento per POGGIBONSI, cittadina d’aspetto moderno nella Val d’Elsa che conserva ancora il gotico Palazzo Pretorio e la trecentesca Chiesa di S. Lorenzo. Sistemazione all’Hotel Alcide e pranzo. Nel pomeriggio partenza per la terra del CHIANTI, patria del vino famoso in tutto il mondo. Nel nostro itinerario avremo l’opportunità di vedere un paesaggio sempre nuovo e vario attraverso vigneti, oliveti boschi alternati a badie, casolari e fattorie noto per le sue località come RADDA e CASTELLINA IN CHIANTI. Sosta presso una tipica cantina per la degustazione di vini, olio e vinsanto. Possibilità di acquisti. Rientro in hotel, cena e pernottamento.

2° Giorno – Prima colazione. Partenza per SIENA e visita della città dove potremo ammirare la centralissima Piazza del Campo, il Santuario Cateriniano ed il famosissimo Duomo. Rientro in hotel per il pranzo. Nel pomeriggio visita di MONTERIGGIONI, caratteristico borgo su un altura, costruito dai senesi nel secolo XII, che conserva intatta la cerchia di mura con 14 torri. Rientro in hotel per prepararsi ad accogliere il nuovo anno. Veglione con CENONE, SERATA DANZANTE e MUSICA DAL VIVO. Pernottamento.

3° Giorno – Prima colazione e partenza per SAN GIMIGNANO, pittoresca e graziosa cittadina d’intatto aspetto medievale caratterizzata dalle numerosi torri, dalla Piazza della Cisterna, dalla suggestiva Piazza dei Priori e la romanica Collegiata. Rientro in hotel per il festoso BANCHETTO DI CAPODANNO. Nel pomeriggio partenza per il rientro, cena libera lungo il percorso. Arrivo a Savona in tarda serata.


Quota di partecipazione individuale  Euro 390

==> Ai  tesserati CuriosandoCard Assicurazione Annullamento GRATUITA

 

Minimo 40 partecipanti


La quota comprende:
viaggio in pullman GT, assicurazione medico sanitaria e assistenza di un addetto agenzia, piccola colazione offerta durante il viaggio e momenti di ristoro, sistemazione in hotel 3* in camera doppia, con trattamento di mezza pensione, al rientro foto ricordo per tutti.
La quota non comprende: Quota di iscrizione di Euro 25, eventuali ingressi, pranzi, mance, extra, tessera CuriosandoCard (regolamento e dettagli in agenzia), supplemento singola Euro 120 e tutto quanto non espressamente indicato ne “La quota comprende”.